I vampiri secondo Osamu Tezuka

vampires osamu tezuka manga

La Osamushi Collection, la collana di J-Pop dedicata alle opere di Osamu Tezuka, continua ad arricchirsi di titoli con Vampires. Il manga propone una storia che fonde horror e azione alla narrazione del metafumetto, in cui lo stesso autore si ritrova coinvolto: Toppei, vampiro in fuga dalla sua stessa specie, bussa alla porta della Mushi Production, dove Osamu Tezuka si proporrà di aiutarlo nella ricerca di suo padre.

Vampires di Osamu Tezuka sarà pubblicato da J-Pop in due volumi brossurati di 400 pagine l’uno. Il primo è distribuito in fumetteria e libreria dal 21 aprile 2021, e si può acquistare anche online.

«L’assunto di partenza, in quello che potremmo definire un vero “pulp” manga firmato Tezuka, è Homo homini lupus. Non tanto perché i vampiri in questione siano veri e propri lupi mannari (e non cadaverici succhia sangue), ma perché, prima che la società si sviluppasse, l’uomo era solo un altro animale selvaggio, che combatteva, uccideva e mangiava i suoi simili», scrive Jacopo Costa Buranelli, direttore editoriale di J-Pop, in un comunicato.

vampires osamu tezuka j-pop manga

«Poi, con l’avvento della civiltà, l’uomo ha sviluppato una coscienza, una morale e delle leggi, mentre i vampiri sono creature speciali che, sebbene umane, sono rimaste, come le bestie, libere dai vincoli della società», continua Jacopo Costa Buranelli. «Siamo nel 1968 quando Osamushi lavora (inserendosi anche come personaggio) su Vampires e, nel corso della storia, i vampiri, sparsi in tutto il mondo, preparano una rivoluzione: convincere gli uomini di vivere secondo natura, liberi dai vincoli morali. È la storia di questa rivoluzione e dei pochi umani e lupi mannari che si oppongono a essa, creando ancora una volta una tensione narrativa, esistenziale, politica, nell’opera del grande autore.»

Tutti i fumetti in uscita di questa settimana.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.