“Loki” conferma l’esistenza del multiverso nel Marvel Cinematic Universe

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

loki multiverso marvel

La prima puntata di Loki – la nuova serie tv Marvel con protagonista il dio degli inganni costretto a collaborare con la Time Variance Authority (TVA), un’organizzazione che esiste al di fuori dello spazio-tempo e monitora le linee temporali – ha confermato un dato che era ormai evidente, ossia l’esistenza del multiverso anche nel Marvel Cinematic Universe.

Il multiverso è una dimensione che contiene al proprio interno tantissime realtà alternative, spesso versioni simili a quella in cui sono ambientate le vicende dei personaggi, altre volte mondi completamente diversi. L’idea di un multiverso aveva fatto capolino in Spider-Man: Far From Home, in cui Mysterio affermava di provenire da una dimensione alternativa a quella dei protagonisti. Il personaggio si rivelava poi essere un illusionista che cercava vendetta nei confronti di Iron Man, e il multiverso sembrava essere soltanto una strizzatina d’occhio ai fan dei fumetti.

Quest’anno, anche WandaVision ha giocato con le aspettative del pubblico, mettendo in scena una versione alternativa di Quicksilver, il gemello di Wanda (interpretato da Aaron Taylor-Johnson in Avengers: Age Ultron), morto e tornato in vita sotto forma del Quicksilver visto nei film degli X-Men (interpretato da Evan Peters). La mossa sembrava preludere a trame che avrebbero coinvolto il multiverso, ma, di nuovo, il finale di WandaVision smentiva questa possibilità, riducendola a un semplice easter egg.

Ora, a meno di svolte future, gli autori di Loki hanno confermato l’esistenza del multiverso Marvel. Nella prima puntata della serie, un video animato informativo della TVA spiega che la realtà così come la conosciamo era, in origine, frammentata in un più dimensioni.

«Molto tempo fa», recita la voce narrante, «ci fu una grande guerra nel multiverso. Innumerevoli linee temporali si diedero battaglia per il potere portando alla completa distruzione di ogni cosa. Ma poi emersero gli onniscienti Custodi del Tempo, che portarono la pace riorganizzando il multiverso in un’unica linea temporale, la Sacra Linea Temporale. Oggi i Custodi proteggono e preservano il corretto flusso temporale di tutti e di tutto.»

custodi del tempo loki multiverso marvel

Chi devia dalla Sacra Linea Temporale, come Loki, crea quello che si chiama “evento Nexus”, che la TVA dovrà poi far rientrare nel ranghi. Il nome “nexus” era già comparso in una delle pubblicità fittizie di WandaVision per un farmaco antidepressivo che tiene «ancorati alla realtà, qualsiasi realtà vogliate».

Nei fumetti Marvel, Nexus è il nome di una porta di accesso a tutte le realtà, persino le realtà che esistono nel passaggio tra una realtà e l’altra. È situata nella paludi della Florida, dove risiede Man-Thing. Apparso per la prima volta nel 1972 in una storia di Steve Gerber e Rich Buckler pubblicata su Adventure Into Fear 11, è comparso poche volte nelle storie Marvel, ma di recente ha trovato spazio in albi come Avengers 41.

Nexus è anche il nome dato alle creature in grado di alterare le probabilità attraverso i loro poteri. Tra gli esseri Nexus ci sono Kang il Conquistatore e, ovviamente, Wanda. Ai lettori Marvel, la “guerra nel multiverso” non potrà che ricordare il crossover Secret Wars, in cui tutte le realtà del multiverso Marvel si scontravano in una storia dall’afflato epico.

Che avremmo visto il multiverso nella serie era già noto da un po’ di tempo: il produttore Kevin Feige, boss di Marvel Studios, aveva dichiarato a maggio che «parte del divertimento del multiverso e del viaggio nel tempo è vedere altre versioni dei personaggi» ma è la prima volta che un prodotto audiovisivo Marvel ne conferma l’esistenza.

Sembra inoltre che l’idea di multiverso sarà predominante nel futuro dell’universo cinematografico Marvel, come pare dal titolo di uno dei prossimi film, Doctor Strange in the Multiverse of Madness – scritto proprio dallo showrunner di Loki, Michael Waldon – ma anche dalle numerose indiscrezioni che vorrebbero il terzo film di Spider-Man, Spider-Man: No Way Home, incentrato sulle varie versioni cinematografiche del personaggio. Pubblicamente, Feige non ha voluto confermare eventuali collegamenti tra Loki e i prossimi film.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.