Le easter egg della terza puntata di “Loki”

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

loki 3 easter egg serie marvel

Come succede per le altre produzioni dei Marvel Studios, anche Loki è piena di easter egg, rimandi, citazioni, strizzatine d’occhio a fatti (perlopiù) fumettistici. Abbiamo scelto le curiosità più significative del terzo episodio:

La puntata è ambientata quasi interamente nel 2077 sulla luna Lamentis-1. Il satellite orbita attorno al pianeta Lamentis (che dà anche il nome alla puntata), apparso nei fumetti per la prima volta nel 2007, nell’albo Annihilation: Conquest Prologue di Dan Abnett, Andy Lanning e Mike Perkins (in Italia su Annihilation Conquest vol. 1). Non si sa molto su di esso, a parte che è un pianeta violaceo situato ai confini dell’impero Kree.

La variante si fa chiamare con l’alias “Sylvie”, un riferimento alla seconda Incantatrice dei fumetti di Marvel Comics (ovvero Sylvie Luston), che, a differenza della prima, Amora, non era asgardiana ma dotata di capacità naturali. Creato da Paul Cornell e Mark Brooks, questo personaggio ha esordito nel 2009 come avversario degli Young Avengers.

sylvie incantatrice loki 3 easter egg

I due soldati che si occupano dei biglietti sul treno che Loki e Sylvie prendono si chiamano Caporale Hicks e Soldato Hudson. I loro gradi e nomi sono un omaggio al film Aliens – Scontro finale di James Cameron, in cui Michael Biehn e Bill Paxton interpretavano proprio quei due personaggi.

A un certo punto dell’episodio, Loki getta a terra un bicchiere vuoto e ne chiede un altro, proprio come faceva suo fratello Thor nel primo film dedicato al dio del tuono, diretto da Kenneth Branagh. Una scena che, come raccontano gli attori, fu improvvisata da Chris Hemsworth.

Nei titoli di coda, oltre ai precedenti autori e fumettisti ringraziati, si sono aggiunti cinque nomi: Paul Cornell e Mark Brooks, creatori della seconda Incantatrice; Dan Abnett, Andy Lanning e Mike Perkins, creatori del pianeta Lamentis.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.