Su “Planet-Size X-Men” c’è una nuova importante svolta per il mondo dei mutanti

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

planet size x-men fumetto marvel

Planet-Size X-Men 1 di Gerry Duggan e Pepe Larraz – pubblicato negli Stati Uniti da Marvel Comics la scorsa settimana – presenta una nuova svolta per l’universo mutante e per tutto il mondo Marvel in generale.

Nell’albo, i mutanti – che ora risiedono nell’isola-nazione di Krakoa – hanno annunciato la nuova mossa della loro società: la terraformazione e la colonizzazione di Marte, che ora è soprannominato Pianeta Arakko. Magneto dichiara il pianeta la capitale del sistema solare, informando del cambiamento tutti i dignitari riuniti delle civiltà aliene della Marvel, facendo aumentare le tensioni tra i mutanti e il resto della popolazione.

Il pianeta è chiamato così perché Arakko era, insieme a Krakoa, una parte di una formazione più grande nota come Okkara, che fu divisa dalle forze oscure provenienti dalla dimensione di Amenth. Nacquero così due metà, Arakko – popolata da un gruppo di mutanti a lungo esiliati in un’altra dimensione – e Krakoa. Alla fine del crossover X of Swords, Arakko e Krakoa si riunivano, e così le popolazione delle due isole, mantenendo però rapporti tesi.

planet size x-men fumetto marvel

Il mondo è preoccupato dall’improvvisa espansione di Krakoa e del rapporto con gli Arakki, un gruppo dei quali arriva per esempio a dichiarare la sovranità su una parte di una città in Giappone solo perché voleva schiavizzare un distillatore di whiskey.

Il pianeta Arakko, quindi, rappresenta un’offerta da parte di Magneto e compagni agli Arakki per stemperare la situazione, ma anche una mossa molto aggressiva da parte dei mutanti di Krakoa.

Planet-Size X-Men vede inoltre l’esordio del nuovo gruppo di X-Men composto da Professor X, Ciclope, Marvel Girl, Sole Ardente, Rogue, Wolverine (l’ex X-23, non Logan), Synch e Polaris, che sarà protagonista da luglio di una nuova serie regolare realizzata dagli stessi Duggan e Larraz.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.