Le prime pagine di “Stalattite” di Pablo Cammello

In anteprima presentiamo le prime pagine dal graphic novel Stalattite di Pablo Cammello, giovane fumettista lecchese che nel 2011 ha esordito con l’autoproduzione Metastasi (presentata a Lucca Comics & Games) e che nel 2017 ha pubblicato per Shockdom l’edizione cartacea del suo webcomic Tumorama.

Stalattite – brossura, 200 pagine a colori, 20,00 euro – è distribuito in fumetteria e libreria dal 15 giugno da Coconino Press, e si può acquistare anche online.

Di seguito la descrizione del libro diffusa dall’editore e le prime tavole del fumetto.

Un mondo sottosopra. Il suolo è in alto, il cielo è in basso. La gravità attrae verso le profondità dello spazio. La gente si sposta con funivie e lungo i ponti, e tutti hanno dimenticato il tempo in cui il suolo era abitato: un ricordo che si perde nella leggenda. In questo futuro, in una metropoli sospesa sull’abisso e minacciata dagli attacchi di giganteschi ragni, Natan lavora controvoglia come netturbino. Sempre irrequieto, vive rapporti conflittuali con la madre e col fratello Otto, famoso giornalista televisivo di un canale all-news. Finché un caso fortuito non gli farà conoscere il Suolo sovrastante, popolato da creature oscure e angeli decaduti: un viaggio che lo porterà a incontrare i misteriosi Capovolti e il loro Messia, e a conoscere un’altra verità che cambierà per sempre la sua vita. Costruito su fondamenta fantastiche simili a quelle delle serie animate americane di ultima generazione, come Rick & Morty e Adventure Time, il mondo di Stalattite è un’assurdità perfettamente funzionante. Il teatro di una storia distopica che finisce per diventare un’indagine sulla società e sulla famiglia, luogo di amore e di tradimenti. Un congegno narrativo lucido e affascinante, un libro a cui rimanere aggrappati.

stalattite cammello
stalattite cammello
stalattite cammello
stalattite cammello
stalattite cammello
stalattite cammello

Leggi anche: Akab, Cammello e Spugna sul fare fumetti

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.