Chi è Kang, di cui sentirete parlare molto presto

kang fumetti marvel

Nell’ultimo episodio della serie tv di Disney+ Loki, è stato fatto preannunciato l’arrivo nei prossimi prodotti cinematografici e televisivi dei Marvel Studios di Kang, un personaggio molto noto agli appassionati di fumetto e dalla storia molto complicata, che potrebbe diventare il protagonista delle trame future del Marvel Cinematic Universe, prendendo il posto di Thanos (qui ci sono un po’ di informazioni in più). Ma chi è in realtà Kang?

Creato da Stan Lee e Jack Kirby all’inizio degli anni Sessanta, Kang il Conquistatore è uno degli avversari più temibili degli Avengers, nonché uno dei personaggi più affascinanti e ingarbugliati di Marvel Comics. Anche grazie al fatto che il cattivo è legato ai viaggi nel tempo, gli sceneggiatori Marvel hanno avuto gioco facile nel fare e disfare le vicende che lo vedono coinvolto, cambiando le origini del personaggio nel corso degli anni e aggiungendo sempre nuovi livelli di complessità nelle sue storie.

Rama Tut e il Centurione Scarlatto

Nathaniel Richards era un accademico del Trentunesimo secolo, nonché probabile discendente dell’omonimo padre di Reed Richard, che scoprì la tecnologia per il viaggio nel tempo del Dottor Destino e la utilizzò per costruire una macchina del tempo a forma di Sfinge con cui tornare ai tempi dei faraoni e regnare sull’Egitto con il nome di Rama-Tut (in Italia su Marvel Masterworks – Fantastici Quattro 2). Sconfitto da Fantastici Quattro, Richards viaggiò ancora nel tempo, finendo nel Ventesimo secolo, dove incontrò il Dottor Destino.

Rama-Tut alle prese con Reed Richards dei Fantastici Quattro

I due credettero di essere imparentati, o addirittura la stessa persona. Nathaniel si costruì un’armatura ispirata a quella di Destino e cambiò alter ego: con il nome di Centurione Scarlatto combatté gli Avengers, venendo sconfitto (in una storia di Roy Thomas e Don Heck tradotta in Italia su Marvel Masterworks – I Vendicatori 5). Cercò allora di tornare al Trentunesimo secolo, ma finì invece nel Quarantesimo , dove trovò un pianeta Terra dilaniato dalle guerre, di cui gli riuscì facile prendere il controllo, espandendo poi il suo dominio attraverso la galassia e diventando Kang il Conquistatore, un alias con una maschera blu e un costume verde e viola.

Quando però si accorse che la Terra era diventata un mondo sterile, Kang tornò indietro nel tempo per provare a conquistare, con le sue armi ipertecnologiche, una versione in salute del pianeta. Furono Wasp e Rick Jones a salvare la situazione in quella che divenne la prima di tante battaglie tra gli Avengers e Kang (su Marvel Masterwork – I Vendicatori 3).

In seguito al crossover Guerre segrete, fu rivelato che i continui viaggi nel tempo di Kang avevano generato una serie di versioni alternative del personaggio che scorrazzavano per l’universo e le realtà. Tutti i vari Kang si riunirono nel Consiglio Temporale dei Kang (che poi si scoprì essere una sezione del più largo Collettivo Kang).

La prima apparizione di Kang

I paradossi di Kang

Tra queste varianti c’era anche Immortus, una versione futura di Kang tornata indietro nel tempo per poter vivere una vita pacifica e lontana dalle sofferenze che la morte della moglie Ravonna e del figlio Marcus gli avevano provocato. Questo Kang fu contattato dai Custodi del Tempo, che gli offrono l’immortalità in cambio dell’impegno a preservare le linee del tempo. Kang divenne così Immortus, signore della dimensione nota come Limbo.

Immortus è comparso negli anni nel ruolo di antagonista in molte storie degli Avengers. La sua ultima apparizione risale al 2010, nella saga I prossimi Vendicatori di Brian Michael Bendis e John Romita Jr. (su 100% Marvel Best: Vendicatori), in cui, nel futuro, Immortus è ucciso dai discendenti degli Avengers.

Tra gli episodi rilevanti nella storia editoriale di Kang va citato l’arco narrativo Piccoli eroi con cui nel 2005 debuttò la serie Young Avengers di Allen Heinberg e Jim Cheung. Nella saga, Kang viaggia nel proprio passato per prevenire un incidente con un bullo che lo avrebbe fatto andare in coma per un anno, ma il se stesso giovane è sconvolto dal futuro che lo attende e scappa nei giorni nostri. Con addosso una tuta in cui sono contenuti gli schemi mentali di Visione, crea l’alias Iron Lad, raggruppa un gruppo di giovani supereroi e fonda i Giovani Vendicatori.

Da sinistra a destra, Iron Lad, Kang e Immortus

Il Kang del futuro lo viene a cercare per riportarlo nella sua linea temporale, ma Iron Lad lo uccide. Varie persone iniziano a scomparire in seguito alla morte di Kang, e Iron Lad è costretto a tornare al proprio tempo, con la prospettiva di diventare da adulto Kang, al fine di non compromettere la stabilità del flusso temporale. Dopo aver mischiato le coscienze di Kang e Visione, l’armatura di Iron Lad prende il posto del ragazzo nei Giovani Vendicatori in qualità di intelligenza artificiale senziente.

La storia più recente che ha visto coinvolto il personaggio è la serie Doctor Doom del 2019, in cui Kang e Destino sono legati da una correlazione quantistica che porta il viaggiatore nel tempo ad apparrire occasionalmente a Destino, interagendo con il despota. Si rivela essere l’ennesimo piano ordito da Kang: aiutando Destino a salvare il mondo ora, sarà più facile, per il Conquistatore, prenderne possesso tra 200 anni.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.