Il nuovo Corto Maltese è giovane e le sue avventure sono ambientate nel 2001

oceano nero corto maltese

Il primo settembre Corto Maltese torna con una nuova avventura in una storia intitolata Oceano Nero. Questa volta, però, il marinaio creato da Hugo Pratt è un po’ diverso da come siamo abituati a conoscerlo. È giovane e le sue avventure sono ambientate nel 2001.

È questo il piccolo (grande) segreto tenuto nascosto sin dall’annuncio della storia avvenuto il giugno scorso, quando le informazioni sulla trama erano ancora risicate. Una mossa per intercettare «il pubblico giovane, di ragazzi che non l’hanno mai letto», come ha spiegato a Repubblica Patrizia Zanotti, storica collaboratrice di Pratt e managing director di Cong, che con questo volume diventa editore di titoli saltuari di Corto Maltese pubblicati in parallelo alla serie classica edita da Rizzoli Lizard.

Così la copertina di Oceano Nero mostra un Corto Maltese ventenne, dai lineamenti femminei, rollarsi una sigaretta sul ponte di una nave a fianco di Freya, una giovane documentarista compagna di avventure. È questa la “rivoluzione” del personaggio operata dallo sceneggiatore e documentarista Martin Quenehen e dal fumettista Bastien Vivès, prolifico talento della bande dessinée.

Vivès ha raccontato a Repubblica che, nel dover reinvetare il personaggio, «volontariamente l’ho reso più contemporaneo e più femminile». Mentre Quenehen promette una storia che sarà fedele allo spirito avventuroso profuso da Pratt: «Sono partito da un buon inizio, dal Giappone che unisce tradizione e modernità. Perfetto per introdurre un’avventura come questa, immersa nella realtà. Chiudiamo a Cordova, nella cattedrale».

oceano nero corto maltese

Insomma Corto Maltese intraprenderà un nuovo viaggio in giro per il mondo, ma questa volta calato nel nostro passato recente, quasi contemporaneo o, quantomeno, più affine ai giorni nostri. Vivrà gli attacchi terroristici dell’11 settembre e la guerra in Afghanistan, userà il cellulare e viaggerà in aereo. «Non è stato difficile», ha spiegato Quenehen. «La sua grandezza è riempire di incanto il mondo. E lui resiste alla modernità continuando a cercare il mistero.»

Oceano Nero è quindi un volume a se stante, che non rientra nella mitologia creata da Pratt e che oggi è continuata dagli spagnoli Juan Díaz Canales e Ruben Pellejero. Un albo speciale che però dà il via a una sorta di nuova collana dedicata alle avventure di questo giovane Corto.

Un’altra storia è già in cantiere, ma al momento non si sa se sarà realizzata ancora da Quenehen e Vivès o da altri autori. Quella di far interpretare il personaggio ad altri autori internazionali è un’idea che piace a Patrizia Zanotti, che lo scorso giugno ha promesso anche «un’altra sorpresa in uscita prima di Natale».

Oceano Nero, pubblicato da Cong, sarà distribuito in fumetteria e libreria dall’1 settembre 2021, e si può acquistare anche online.

Leggi anche: ‘Bisogna leggere molto per fare un buon fumetto’. Intervista a Hugo Pratt

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.