Le newsletter sono il nuovo business del fumetto

substack fumetti newsletter blue book tynion
Un’immagine da ‘Blue Book’

Substack, una delle piattaforme di newsletter a pagamento più utilizzate, entra di prepotenza nel mondo del fumetto collaborando con una serie di sceneggiatori di primo piano dell’industria statunitense: James Tynion IV, Jonathan Hickman, Scott Snyder, Saladin Ahmed e Molly Knox Ostertag.

Gli annunci quasi in contemporanea dei fumettisti non arrivano però del tutto a sorpresa: da tempo infatti lo sceneggiatore Nick Spencer, l’attuale scrittore di The Amazing Spider-Man, la testata principale dedicata all’Uomo Ragno, lavorava in sordina per portare alcuni dei suoi colleghi su Substack. Lo scorso giugno è stato il primo fumettista ad aver firmato un accordo con la piattaforma. Lo scopo era proprio varare una linea di fumetti digitali da distribuire via newsletter agli abbonati.

Spencer, secondo quanto riporta il New York Times, ha spiegato di avere approcciato Chris Best, il co-fondatore di Substack, con questa idea lo scorso anno, quando la prima ondata di pandemia rendeva difficile ai lettori acquistare gli albi in fumetteria e mentre gli autori cercavano nuovi modi per realizzare le proprie storie.

Il progetto di Substack si articola così: gli autori creeranno fumetti che saranno distribuiti in digitale agli abbonati delle proprie newsletter. Gli sceneggiatori del fumetto percepiranno un anticipo, con cui poter pagare il team di lavoro. Substack tratterà gli interi guadagni sugli abbonamenti per il primo anno, mentre dal secondo la sua quota scenderà al 10% lasciando il restante 90% agli autori. I fumettisti deterranno gli interi diritti di sfruttamento delle proprie opere.

James Tynion IV, l’attuale scrittore di Batman e tra gli sceneggiatori più importanti del momento, ha detto di aver rifiutato un contratto triennale con DC Comics per dedicarsi a questo nuovo progetto personale, per il quale Substack gli avrebbe garantito un ingente guadagno. I suoi cicli di storie per DC Comics termineranno a breve: il suo ultimo numero di Batman sarà il 117 (novembre 2021), mentre il suo ultimo numero della serie Joker, inaugurata lo scorso marzo, sarà il 14 (aprile 2022).

James Tynion IV continuerà comunque a lavorare per la casa editrice su miniserie e albi speciali, nonché al suo fumetto personale Nice House on the Lake pubblicato nella linea DC Black Label. L’autore proseguirà parallelamente tutti i suoi lavori per gli altri editori: Something Is Killing the Children (e il suo spin-off) e Wynd per BOOM! Studios e Department of Truth per Image Comics.

substack fumetti newsletter blue book tynion
Un’immagine di ‘Blue Book’

Il primo fumetto di Tynion che sarà pubblicato tramite newsletter su Substack si intitolerà Blue Book e sarà disegnato da Michael Avon Oeming (Powers) con il lettering di Aditya Bidikar (The Department of Truth). La storia debutterà a settembre e racconterà di avvistamenti di UFO e di incontri con gli alieni a partire da testimonianze documentate. La vicenda prenderà spunto dalle vite dei coniugi Betty e Barney Hill che sostennero di essere stati rapiti dagli alieni nel settembre del 1961, in quello che negli Stati Uniti viene ricordato come il primo grande caso reclamizzato di incontro ravvicinato del terzo tipo.

Tynion ha inoltre altri quattro progetti in via di sviluppo per Substack. La sua newsletter si chiama The Empire of the Tiny Onion e ci si può abbonare per 7 dollari al mese o 75 dollari per un anno.

Il logo di ‘Three Worlds, Three Moons’

Jonathan Hickman, che ha da poco rilanciato gli X-Men per Marvel Comics, creerà per Substack un nuovo universo narrativo chiamato Three Worlds, Three Moons (‘tre mondi, tre lune’). Questo progetto vedrà la partecipazione di più autori che realizzeranno diversi fumetti che faranno parte di una storia più grande. Tra i primi fumettisti che collaboreranno con Hickman ci sono: i disegnatori Mike Del Mundo e Mike Huddleston e gli sceneggiatori Al Ewing, Tini Howard e Ram V.

Saladin Ahmed, scrittore di romanzi di fantascienza che da qualche anno è diventato tra i principali sceneggiatori di Marvel Comics, ha invece annunciato una propria etichetta chiamata The Copper Bottle sotto cui pubblicare i suoi fumetti personali, che saranno distribuiti in anteprima da Substack tramite una newsletter omonima. Il suo primo progetto si intitolerà Terrorwar e sarà disegnato da Dave Acosta (The Shadow, Vampirella).

substack fumetti newsletter terrorwar
Un’immagine di ‘Terrorwar’

Scott Snyder, per anni tra gli autori di punta di DC Comics e fresco di firma in esclusiva con Amazon, ha annunciato un progetto differente dagli altri: un corso di scrittura di fumetto che si svolgerà tramite newsletter.

Molly Knox Ostertag, autrice molto nota di fumetti per ragazzi di cui al momento in Italia è stato pubblicato un solo titolo, serializzerà alcuni dei suoi nuovi graphic novel in una newsletter quindicinale che sarà in parte gratuita e i cui ricavi saranno devoluti in beneficenza a enti a cui tiene, a partire dal Trans Lifeline’s Migrant Program.

Substack, che guadagna il 10% delle entrate provenienti dagli abbonamenti di chi sottoscrive una newsletter, era nato nel 2017 come spazio in cui i giornalisti potevano trattare di argomenti che stavano loro a cuore, senza il filtro di un editore (attirandosi di conseguenza alcune critiche). Con il tempo, è diventato anche uno strumento di comunicazione per autori di narrativa e fiction. Contemporaneamente, molti giornalisti e scrittori ne hanno sfruttato il potenziale per farlo diventare il loro primo mezzo di sostentamento, in alcuni casi scegliendo di lasciare i propri lavori nei giornali per dedicarsi completamente alle newsletter personali.

Il modello che Substack vuole utilizzare con i fumettisti sta già vedendo utilizzato per gli scrittori in generale, attraverso Substack Pro, che prevede che il sito paghi un anticipo alle proprie firme affinché producano contenuti. Per gli autori di fumetto l’offerta di Substack e il potenziale delle newsletter si possono considerare un modello alternativo di business che si va ad affiancare ad altri affermati e già in uso negli ultimi anni, come le piattaforme di crowdfunding, Patreon o Gumroad.

Leggi anche: Mai più gratis. Le nuove vie dell’autoproduzione

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.