Topolino diventa il Piccolo Principe

topoprincipe

Il 29 settembre, Giunti Editore pubblicherà Il TopoPrincipe, una nuova parodia Disney a fumetti inedita dedicata a un grande classico della letteratura come Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, di cui nel 2021 ricorre il settantacinquesimo anniversario della prima pubblicazione dell’edizione europea.

Sceneggiata da Augusto Macchetto, disegnata da Giada Perissinotto e colorata da Andrea Cagol, Il TopoPrincipe vedrà l’aviatore Pippo precipitare con il suo velivolo nel deserto e incontrare proprio TopoPrincipe – con le fattezze di Topolino – che gli spiega di arrivare da molto lontano. Ha così inizio un viaggio attraverso vari mondi, dove i protagonisti incontreranno personaggi noti come Zio Paperone, Paperetta Yé-Yé, Paperina e Pluto.

«La nostra parodia nasce nel solco della tradizione Disney delle grandi parodie letterarie, ma ne abbiamo fatto un’opera originale dove entra anche il presente, che proprio perché è qui sotto i nostri occhi, a volte ci sembra difficile da leggere e da raccontare, specie ai bambini» ha raccontato Veronica Di Lisio, Direttore divisione Disney Libri per Giunti. «Questo TopoPrincipe mantiene la grande poesia dell’opera cui si ispira e, grazie ai personaggi disneyani, offre una prospettiva inedita sul tempo e sul mondo che viviamo. Tanti spunti per riflettere e sorride re, per farci trasportare in un viaggio che ha come destinazione la speranza e si compie nel tempo e nello spazio dell’infinito, in grado di farsi amare da tutte le generazioni, dagli appassionati di fumetto ma anche da chi si accosta per la prima volta a quest’arte.»

In vendita dal 29 settembre al prezzo di 12 euro, il libro – cartonato con trancia metallizata, 80 pagine a colori in formato 17,8 x 24,8 centimetri, presentato all’interno della collana Letteratura a fumettiè già disponibile online in prevendita.

Leggi anche: Gli acquerelli di Saint-Exupéry per “Il piccolo principe”

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.