Le foto dalla grande mostra su Uderzo a Parigi

Il museo Maillol a Parigi ospita Uderzo, comme une potion magique, una ricca mostra dedicata a Albert Uderzo, inaugurata il 27 maggio e prorogata fino al 31 ottobre. È la prima grande iniziativa culturale sul cocreatore di Asterix, a poco più di un anno dalla sua scomparsa. Un modo per ripercorrere la sua carriera attraverso oltre 250 disegni originali, molti dei quali mai esposti prima e tirati fuori dai cassetti (o dai caveau) dalla figlia Sylvie, curatrice dell’esposizione.

L’ingresso del Musée Maillol

I primi disegni che si incontrano nel percorso sono i più straordinari, non tanto per la perfezione del segno o la preziosità, ma perché mostrano quanto fosse precoce e genuino il talento di Uderzo. Completamente autodidatta, a quattordici anni disegna già in un modo che all’epoca era considerato pubblicabile.

Le prime sale si snodano quindi tra gli “scarabocchi” sui quaderni di scuola, i primi tentativi di farsi pubblicare, i primi lavori pagati e le locandine realizzate sotto il militare. Un’anticipazione di quello che si vedrà nella grande sala poco più avanti.

Un quaderno di scuola di Uderzo

L’ambiente più grande del primo piano, infatti, è dedicato alla versatilità della sua mano, soprattutto a inizio carriera. È straordinario notare come Uderzo avesse abbandonato completamente il suo stile umoristico per realizzare illustrazioni di cronaca, molto realistiche, per il settimanale France-Dimanche; poi disegnò Capitan Marvel Jr e altri fumetti d’avventura, guardando agli americani; infine, arrivato alla World Press di Troisfontaine, incontrò Jean-Michel Charlier e René Goscinny e con loro sperimentò gli stili più disparati.

Ovviamente il rapporto con Goscinny occupa il resto della mostra, se si esclude la parete dedicata a Tanguy e Laverdure, scritti da Charlier. Prima Jehan Pistolet, Umpah-Pah – di cui sono esposte le tavole della primissima versione – e molti progetti minori per svariati editori. Poi Pilote, nel 1959.

La sala dedicata a Pilote. Foto dal sito ufficiale del Musée Maillol

La nuova rivista è un punto di svolta per la carriera di Uderzo, ben identificato in mostra con uno stretto passaggio tappezzato dalle riproduzioni delle copertine disegnate da lui. Oltre si trovano i già citati Tanguy e Laverdure e, ovviamente, Asterix.

Del gallo sono esposte un centinaio di tavole. Probabilmente fino ad ora non se ne erano mai viste così tante in una sola mostra. Sono rappresentati quasi tutti gli episodi attraverso i loro momenti clou, insieme a qualche chicca meno nota, come la tavola che racconta il processo creativo di Goscinny e Uderzo.

Una delle sale dedicate a Asterix, con una parete di albi in lingue straniere e un diorama del villaggio. Alle spalle del fotografo, decine di tavole dalle storie più famose. Foto dal sito ufficiale del Musée Maillol

Asterix e i Belgi, ultima storia scritta da Goscinny, occupa da sola un’unica, piccola, parete e restituisce un omaggio all’importanza dello sceneggiatore. Seguono le tavole degli albi scritti da Uderzo stesso, nelle quali si nota chiaramente il progressivo indebolimento del suo segno con l’avanzare dell’età. Le ultime sono addirittura soltanto a matita, tremolante, lasciate da inchiostrare a un assistente. Nonostante questo, è impossibile non emozionarsi davanti alla scena del falò che chiude Quando il cielo gli cadde sulla testa, ultima vignetta dell’ultima avventura di Asterix disegnata da Uderzo.

L’ultima vignetta di Uderzo.

La mostra Uderzo, comme une potion magique è compresa nel biglietto del Musée Maillol (intero € 14,5), aperto tutti i giorni dalle 10:30 alle 18:30. Il museo si trova in rue de Grenelle 59-61, non lontano dal Musée d’Orsay e dall’Hôtel des Invalides.

Di seguito, alcune fotografie di disegni originali in mostra.

Clopinard, primo personaggio di Uderzo. In mostra è presente addirittura la lettera con cui l’editore lo accetta ufficialmente
uderzo mostra parigi
Illustrazione per France-Dimanche di un giovanissimo (23 anni) e irriconoscibile Uderzo
Capitan Marvel Jr, versione apocrifa di Uderzo
uderzo mostra parigi
Autocaricatura del periodo in cui lavorava per Troisfontaine (metà degli anni ’50)
La prima versione di Umpah-Pah
uderzo mostra parigi
Un altro esempio della versatilità di Uderzo, le vignette della serie “Sa Majesté, mon mari” realizzata con Goscinny per il settimanale femminile Les Bonnes Soirées
Uderzo al lavoro con Umpah-Pah e Hubert de Profiterol. La scritta recita “Il lavoro. Ecco le vere vacanze!!!”: tra il 1959 e i primi anni Sessanta Uderzo era oberato di lavoro, con 5 tavole a settimana da disegnare tra Umpah-Pah, Asterix e Tanguy.
Copertina del primo album di Tanguy e Laverdure
uderzo mostra parigi
Acrobazie aeree di Tanguy e Laverdure
Da Asterix il Gallico, 1959
Copertina dell’album di Asterix il gallico del 1961, uscito due anni dopo la prepubblicazione su Pilote in 6000 esemplari, esauriti in pochissimi giorni. Si nota il cambio di segno di Uderzo rispetto alla storia al suo interno, soprattutto in come disegna di Obelix
uderzo mostra parigi
Un furioso Giulio Cesare da Asterix gladiatore
uderzo mostra parigi
Asterix e il Giro di Gallia, la sequenza in cui Obelix si accorge di Idefix, alla sua prima apparizione, dopo che il cagnolino l’aveva seguito in silenzio per tutta la storia
Mitica scena da Asterix e i Britanni
Asterix e lo scudo degli Arverni
uderzo mostra parigi
Asterix in Corsica, la scena preferita da Makkox
uderzo mostra parigi
Decorazione per le pagine di un numero natalizio di Pilote
Il processo creativo di Goscinny e Uderzo. Tra parentesi, una delle tavole preferite di chi scrive. Se a qualcuno avanza qualche centinaio di migliaia di euro e vuole farmi un regalo…
uderzo mostra parigi
Asterix e il grande fossato, prima storia senza Goscinny
Un pupazzone di Obelix tra le statue di Aristide Maillol, scultore a cui è dedicato il museo

Leggi anche: L’avventura di Albert Uderzo, il gallico

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.