Chi è Jack Duquesne di “Hawkeye”

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

jack duquesne hawkeye

Nei primi episodi di Hawkeye – la nuova serie tv dei Marvel Studios in streaming su Disney+ – compare un personaggio di nome Jack Duquesne, interpretato da Tony Dalton, promesso sposo di Eleanor Bishop (mamma di Kate) e grande appassionato di spade. Un personaggio con un nome molto simile e la propensione per lo stesso tipo di armi in passato è apparso anche nei fumetti di Marvel Comics, militando persino negli Avengers: lo Spadaccino.

Creato nel 1965 da Stan Lee, Jack Kirby e Don Heck, lo Spadaccino (in originale Swordsman) è in realtà Jacques Duquesne, nato e cresciuto nella fittizia nazione del sud-est asiatico (sotto il controllo francese) di Siancong, che lasciò il suo paese in cerca di avventura dopo l’assassinio di suo padre. Abile con le spade, fece allora da mentore a un giovane Clint Barton/Occhio di Falco, insegnandogli a maneggiare le armi da taglio.

Dopo essere diventato un super criminale, riuscì a entrare con l’inganno negli Avengers – in cui militava anche Occhio di Falco – in qualità di spia del Mandarino, il nemico di Iron Man. Dopo aver tradito il gruppo (e averlo salvato, in preda al pentimento), lo Spadaccino affrontò poi il gruppo in numerose altre occasioni, alleandosi con altri super criminali come Power Man, Batroc e Testa d’Uovo.

jack duquesne hawkeye

Alla fine fine la sua redenzione arrivò davvero, e Jacques Duquesne si unì definitivamente agli Avengers. Nel gruppo conobbe Mantis – supereroina di origine vietnamita – della quale si innamorò, intraprendendo una relazione con lei. Fu proprio per salvare lei che lo Spadaccino si sacrificò, nel corso di una battaglia contro Kang.

In seguito, altre persone hanno assunto l’identità di Spadaccino, fra i quali Philip Jarvert (proveniente da una Terra parallela all’universo Marvel ufficiale) e Andreas von Strucker, figlio del criminale nazista Barone Wolfgang von Strucker, che ha militato anche nei Thunderbolts.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su InstagramFacebook e Twitter.