Chi è Kate Bishop, la co-protagonista di “Hawkeye”

kate bishop hawkeye

Interpretata da Hailee Steinfeld, Kate Bishop è la co-protagonista, insieme a Occhio di Falco (Jeremy Renner), della nuova serie tv Hawkeye, in streaming su Disney+ dal 24 novembre. Il personaggio è una creazione fumettistica relativamente recente, ma con una storia editoriale strettamente collegata a quella dell’arciere di Marvel Comics.

Apparsa per la prima volta nella serie Young Avengers del 2005, Kate Bishop è stata creata dallo sceneggiatore Allan Heinberg e dal disegnatore Jim Cheung. La testata nasceva in seguito al crossover Avengers Divisi, in cui il gruppo di supereroi si scioglieva e Occhio di Falco perdeva la vita, lasciando un vuoto che fu colmato dai Nuovi Vendicatori e da questa squadra di giovani emuli, visti di cattivo occhio da Capitan America e Iron Man, che temevano, dando il loro beneplacito, di mettere in pericolo le vite di giovani ragazzi.

«Kate è stata creata per diventare Occhio di Falco» disse Heinberg in un’intervista a Wizard. «Quando Brian Bendis stava scrivendo Avengers Divisi, lui e Joe Quesada suggerirono a me e a Jim Cheung di creare un nuovo Occhio di Falco. All’inizio esitammo, immaginando come i lettori avrebbero potuto reagire a un nuovo Occhio di Falco, quindi quando creammo Kate Bishop la rendemmo a sua volta molto titubante ad accettare il ruolo. Alla fine della storia, il lettore e lei stessa accettano questo ruolo perché se l’è meritato.»

Anche se da allora Kate Bishop è stata protagonista di svariate avventure, militando in gruppi come gli Young Avengers e nei West Coast Avengers, gran parte del suo retroterra, compresa la sua infanzia, è stato raccontato solo in storie recenti, come la serie Hawkeye di Kelly Thompson e Leonardo Romero del 2017.

Katherine “Kate” Bishop è figlia di una coppia di ricchi newyorchesi. Crebbe con il padre, Derek, un magnate dell’editoria, mentre la madre, attiva nel sociale, morì quando Kate era piccola (si è scoperto in seguito che in realtà era viva e collaborava con la criminale Madame Masque).

Derek era in affari con il criminale El Matador, che prese in ostaggio Kate e fu sconfitto dagli Avengers. Fu in quella occasione che Kate conobbe Occhio di Falco e ne rimase impressionata, facendolo diventare un modello di riferimento al posto del padre. Da giovane, Kate fu violentata durante una passeggiata a Central Park. L’evento, oltre a incupirla e ispessirle il carattere, la spinse ad addestrarsi e diventare esperta di arti marziali e forme di autodifesa.

kate bishop hawkeye

Il suo primo incontro con i supereroi avvenne quando il matrimonio della sorella Susan, di cui era damigella, fu interrotto da una gruppo di malviventi organizzati. Gli Young Avengers (Iron Lad, Hulkling, Wiccan e Patriot) cercarono di salvare gli ostaggi e Kate fu capace di tenere testa a uomini armati e sbloccare la situazione, dimostrandosi più capace degli aspiranti Avengers.

Insieme a Cassie Lang, la figlia dell’allora deceduto Ant-Man, fece poi irruzione nella magione abbandonata degli Avengers nel tentativo di rubare l’arsenale che le avrebbe fatte diventare supereroine, un desiderio di entrambe. Dopo averli aiutati a sconfiggere Kang il Conquistatore, Kate entrò così nei ranghi degli Young Avengers, diventando in breve tempo una leader del gruppo, al pari di Patriot. Kate decise inoltre di ospitarli nel magazzino abbandonato di una delle compagnie del padre, la Bishop Publishing.

Priva di poteri, Kate Bishop è abilissima con l’arco e la spada e inizialmente usava le armi di vari eroi, tra cui Mimo e Vedova Nera, in quanto restia ad assumere l’identità di altri eroi, in particolare del defunto Occhio di Falco. Constando la sua fierezza, Capitan America le affidò l’arco e le frecce di Clint Barton, permettendo alla ragazza di adottarne anche il nome da supereroe. Steve Rogers le concesse il nome perché l’unica altra persona ad avergli tenuto testa come lei era stato proprio Occhio di Falco.

Quando Occhio di Falco tornò in vita, Kate ebbe modo di incontrarlo diverse volte, tra cui un’occasione in cui Clint, nei panni di Ronin, la sfidò a una gara di precisione su chi sarebbe riuscito a tagliare in due una freccia. Kate perse la scommessa e fu costretta a rassegnare l’arco e il nome di Occhio di Falco. Clint però le concesse di riprendere entrambi e, quando ritorno alla sua identità classica, le disse che il mondo era «grande abbastanza per due Occhio di Falco».

Tra i fumetti più famosi che la vedono protagonista c’è la serie Hawkeye di Matt Fraction e David Aja, in cui Clint Barton instaurò con lei una relazione mentore-allieva mentre combattevano la malavita di New York. Durante queste avventure, e a causa della testardaggine di entrambi, Clint diventò sempre più ostile nei suoi confronti, e Kate si trasferì a Los Angeles per lavorare come detective privata. Tornò poi a New York in tempo per aiutare Clint a sconfiggere la mafia russa, mantenendo allo stesso tempo aperta la sua agenzia investigativa sulla costa ovest.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su InstagramFacebook e Twitter.