È morto Giannalberto Bendazzi, studioso di cinema d’animazione

Lunedì 13 dicembre è morto Giannalberto Bendazzi, tra i più importanti studiosi di cinema d’animazione a livello mondiale, autore di oltre 30 libri sull’argomento, alcuni dei quali tra i più tradotti e letti dai professionisti del settore in tutto il mondo. Ne ha dato notizia sui social il suo collaboratore Eric Rittatore.

giannalberto bendazzi morto

Giannalberto Bendazzi era nato a Ravenna il 17 luglio 1946. Giornalista e critico cinematografico, si appassiona giovanissimo al cinema d’animazione, a cui ha dedicato in carriera numerosi saggi, a partire da Bruno Bozzetto – Animazione Primo amore del 1972. Ha insegnato cinema in diverse università, in particolare all’Università Statale di Milano, dove tra il 2002 e il 2009 è stato titolare della prima cattedra in Italia di Storia del cinema d’animazione, e in seguito alla Nanyang Technological University di Singapore e alla Griffith University a Brisbane, in Australia. Inoltre è stato uno dei membri fondatori della Society for Animation Studies, un’organizzazione internazionale nata nel 1987 dedicata allo studio della storia e della teoria dell’animazione, e nel 2019 a Lisbona ha ricevuto la prima Laurea Honoris Causa mai assegnata ad uno studioso di animazione.

Tra le opere più importanti bisogna ricordare Alexeieff, itinerario di un maestro (2001), dedicato al pioniere dell’animatore inventore dello schermo a spilli, Cartoons – Cento anni di cinema d’animazione (Marsilio, 1988 e 1992) e il più recente Animazione, una storia globale (UTET, 2007), opera monumentale che ripercorre in due tomi (tre nell’edizione inglese) la storia del cinema d’animazione in tutto il mondo. Il suo più recente libro sull’animazione era uscito circa un anno fa, Zibaldone animato, in gran parte dedicato ai maestri italiani lungo un secolo di storia.

Ma la scoperta a cui è maggiormente legato il nome di Bendazzi è quella di Quirino Cristiani, animatore argentino ma italiano di nascita, autore di quello che è ormai considerato il primo lungometraggio animato al mondo, El Apostol, proiettato 20 anni prima di Biancaneve e i sette nani. Alla sua storia lo studioso dedicò il saggio L’uomo che anticipò Disney, uscito nel 2007 per Tunué.

Leggi anche: 30 film anime che dovreste vedere

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su InstagramFacebook e Twitter.