Panini Comics annuncia un aumento del prezzo dei fumetti

panini aumento prezzo fumetti

Con un comunicato sui propri canali social, Panini Comics ha annunciato che prossimamente ci sarà un aumento del prezzo dei propri fumetti a causa della crisi della carta dovuta alla pandemia, che sta arrecando problemi all’editoria di tutto il mondo, con ritardi nelle uscite e aumenti dei costi di produzione.

«Cari lettori e lettrici, la situazione di grande difficoltà di questi ultimi due anni ha determinato, come ormai ben saprete, una serie di problemi legati all’approvvigionamento di materie prime, nonché sensibili rincari sulla carta e più in generale sui costi di produzione, ormai non più sostenibili, dei nostri libri e fumetti,» si legge nel comunicato diffuso. «Queste circostanze porteranno all’aumento di prezzo di alcune nostre pubblicazioni, a partire dai prossimi mesi. Nell’affrontare questa pesante ondata di rincari delle materie prime, sarà tuttavia nostra premura limitare il più possibile l’entità di questi aumenti.»

Al momento non è chiaro quali e quante pubblicazioni, tra le varie linee di fumetti di Panini Comics, subiranno un aumento di prezzo. Già lo scorso dicembre Panini aveva fatto un annuncio simile in Francia, uno dei tanti paesi in cui opera, ma solo per quanto riguardava i manga, con aumenti variabili dai 30 centesimi fino a 1 euro in più a volume a seconda del formato editoriale.

In Italia, il problema con la carta finora aveva solo causato ritardi nelle uscite di case editrici come la stessa Panini Comics, Goen e Star Comics. Come ha raccontato Il Post, con la pandemia la domanda di carta nel mondo è aumentata, comportando aumenti nel prezzo (la sola cellulosa, di cui è fatta la carta, costa infatti il 70 per cento in più rispetto alla fine del 2020) e maggiori tempi di attesa per ricevere i rifornimenti.

Tutti i fumetti in uscita di questa settimana

Leggi anche: Nel 2021 le vendite di fumetti sono cresciute ancora

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su InstagramFacebook e Twitter.